La fragilità umana nella Via Crucis | Volersi bene n 319

Oggi è Pasqua e dedichiamo la nuova puntata di “Volersi bene” alla meditazione della Via Crucis di venerdì 10 aprile che ci è stata offerta da Papa Francesco grazie alle parole proposte da cinque persone detenute, una famiglia vittima per un reato di omicidio, la figlia di un uomo condannato alla pena dell’ergastolo, un’educatrice del carcere, un magistrato di sorveglianza, la madre di una persona detenuta, una catechista, un frate volontario, un agente di Polizia Penitenziaria e un sacerdote accusato e poi assolto definitivamente dalla giustizia dopo otto anni di processo ordinario. Attraverso questa testimonianze avremo modo di percorrere i lati oscuri dell’animo umano, la fragilità di cui siamo composti e, al tempo stesso, di recuperare uno sguardo di speranza e di salvezza dal male. E il viaggio continua… Grazie. Buona Pasqua, di cuore, a tutte e tutti voi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *