volersi bene pietro lombardo

Volersi bene

Uno spazio in cui si può camminare a piedi nudi
per conoscersi e far emergere la libertà
di una danza autentica: il vero sè!

Conduttore: Pietro Lombardo
In onda ogni Domenica del mese ore 21.00

Vuoi scrivere una e-mail per esporre una tua esperienza, porre una domanda, proporre una nuova tematica o dare un feedback?

Scrivi a radioevolution.vr@gmail.com

Il controllo della vita emotiva | Volersi bene n 312

In questa nuova puntata di “Volersi bene” continuiamo a trattare il tema delle emozioni attraverso la figura di Gesù che da uomo ha provato le nostre stesse emozioni nelle relazioni interpersonali, sapendole mettere al servizio della crescita altrui. Quando non siamo più capaci di gestire le nostre emozioni diveniamo un mare mosso che ci manda alla deriva. Sviluppare la calma, l’equilibrio e la mitezza fa parte di un cammino di maturazione che tutti possiamo decidere di compiere. E il viaggio continua… Grazie.

Le nostre emozioni (II parte) | Volersi bene n 311

Che belle sono le nostre emozioni quando ci aiutano ad entrare in contatto con il nostro mondo interiore e a conoscerci meglio per saper discernere in che modo orientare la nostra crescita umana. Sono davvero un dono da saper custodire con particolare cura. Eppure, al tempo stesso, le nostre emozioni potrebbero costituire un mare mosso forza 8 che ci fanno andare alla deriva. Potremmo persino reprimerle e diventare delle persone iper razionali, senza utilizzare le risorse dell’empatia.

Le nostre emozioni | Volersi bene n 310

È importante nella vita imparare a gestire le proprie emozioni.
Un bambino dovrebbe essere aiutato a gestire le sue emozioni in dalla prima infanzia, perché è proprio in questo periodo della vita che impariamo a divenire artefici di un equilibrio emozionale. Le emozioni non possono essere represse, perché se ciò fosse causerebbe tutta una serie di dannose conseguenze. Le emozioni vanno gestite. In questa nuova puntata incominciamo a trattare questo tema che approfondiremo in quella seguente. E il viaggio continua..

Il cammino verso la pace | Volersi bene n 309

Quali sono gli elementi che ci consentono di sviluppare una serenità interiore e di creare armonia? Secondo Virginia Satir basterebbe imparare a vivere in modo congruente imparando a comunicare chiaramente, a cooperare, ad aumentare il senso della propria unicità e amare nonché rispettare se stessi completamente. Ciò che ci consente di camminare verso la pace è un cambiamento di consapevolezza nel comprendere e riconoscere quanto è importante amare e dare valore a se stessi per poter donare la propria ricchezza al prossimo.

Affrontare e riconoscere i propri blocchi | Volersi bene n 308

Si cresce nel momento in cui si diventa consapevoli dei propri blocchi. E questo il tema della nuova puntata di volersi bene. Analizzeremo quali possono essere i principali blocchi della nostra crescita umana. E un nuovo viaggio sta per incominciare… Grazie.

Come vivere il nuovo anno | Voleri Bene n 307

Come possiamo affrontare il nuovo anno? Nessuno di noi può prevedere o controllare ciò che accadrà, però possiamo dare un senso positivo a ciò che vivremo nel momento in cui diveniamo consapevoli che nella vita vi sono tre grandi aree: l’area della creazione, della quotidianità e della frustrazione. L’area della creazione ci dona gioia, un senso di realizzazione piena e di gratificazione interiore. L’area della quotidianità è legata al senso del dovere, perché tutti abbiamo attività poco gratificanti in sé ma necessarie per la piena realizzazione del nostro progetto di vita. Infine, vi è la parte più dolorosa, quella che nessuno vorrebbe vivere ma che fa parte della vita. Il recupero dei valori centrali della nostra esistenza ci consente di dare un senso e un significato al perché della sofferenza e dunque di sopportarla meglio. I colpi duri della vita fanno parte della vita. Bisogna imparare a viverli con saggezza, equilibrio e maturità. In questa nuova puntata di “Volersi bene” rifletteremo su queste tre aree per poterle vivere con maggiore consapevolezza. E il viaggio continua… Grazie